DISTURBO è tra le maratone fotografiche più folli in circolazione in Italia! C'eri a Bologna? In evidenza

Categoria Racconti | Pubblicato 16-Mag-17 |



#assaiaBOLOGNA
#assaiMEDIA


DISTURBO!
LA MARATONA FOTOGRAFICA CHE HA INVASO BOLOGNA


A cura di Gioia Perrone 

Gallery di Francesca Bellino 


Siamo stati al fianco di questo che è secondo noi uno degli urban game più divertenti in Italia, DISTURBO, durante la mitica maratona fotografica di Bologna, che dissemina la città di centinaia di fotografanti, appassionati, professionisti, fotodipendenti cronici con evidenti disturbi di allegria, voglia spasmodica di fotografare la propria città e le situazioni più singolari. Lo sappiamo a che state pensando: ognuno di noi ha almeno un paio di amici così. Ogni gioco ha le sue regole ma anche i suoi piaceri, per esempio magnifici premi a tema foto-dipendenza ovviamente, ma anche la scoperta di posti nuovi nella propria città e molte, molte risate e un po' di fatica e svago in compagnia.
In primavera cosa avete intenzione di fare sennò?? lavorare forse? Nnnaaaaaaa. 



DisturBO nasce nel 2011 dal desiderio di cinque ragazzi di provare a rigenerare un interesse per la vita cittadina tramite l’organizzazione di eventi non convenzionali.
Ci sono riusciti: la maratona fotografica ha riscosso successo fin dalle prime tappe diventando un format ben collaudato che combina la passione per la fotografia con il piacere di vivere un pomeriggio di sano divertimento alla scoperta delle bellezze delle città.

All’inizio del gioco viene consegnata a tutti i partecipanti, divisi in team da massimo due persone, una lista di obiettivi da fotografare nel centro della città. Tra questi compaiono luoghi d’interesse storico e culturale, oggetti da cercare e azioni insolite da compiere, nelle quali si dove spesso e volentieri ricorrere all’aiuto di amici e passanti. Per spostarsi è consentito solo l’uso di mezzi di trasporto pubblici e di tutto ciò che sia eco-friendly e non inquinante (biciclette, monopattini, rollerblades, ecc.).

L'immediato successo e l'entusiasmo ha spronato ogni anno sempre più a creare un evento che mantenesse le caratteristiche vincenti delle origini ma che potesse rigenerarsi ogni volta per continuare ad appassionare tutti coloro per cui queste giornate sono diventate un appuntamento fisso con la città, con il divertimento e il pizzico di follia che caratterizza DISTURBO. In questi sei anni l’organizzazione è cresciuta e il format dell’evento si è adattato alle continue trasformazioni del mondo della fotografia nonché alle esigenze delle città dove si svolge l maratona.

Con il cuore e la base fissa in Emilia, il progetto ha una predisposizione cosmopolita. "Quando abbiamo scoperto che la gente si divertiva insieme a noi e pensava come noi che fosse interessante vivere un’esperienza di questo genere abbiamo deciso di pensare più in grande e abbiamo portato la nostra idea in altre tappe italiane come Parma, Trento, Bolzano, Milano e Torino, scalando il Monte Cimone e volando fino a Lisbona e New York. Siamo sempre pronti a porci nuove sfide, e speriamo che molte altre persone possano avere la possibilità di conoscerci."




C'ERVATE IL 13 MAGGIO A BOLOGNA?
ECCO COME  È ANDATA



Anche ad Assai siamo fotodipendenti si vede? Potevamo mancare? Come è andata ce lo dice con un piccolo racconto e le sue immagini Francesc Bellino. 


Ricapitolando: 50 luoghi-obiettivi da fotografare, team di due persone, fotocamere di vario tipo, mezzi ecologici, cinque ore di tempo massimo per completare la maratona. Chi vince? Ovviamente i team più veloci, quelli con le migliori foto e i più originali!  Io ci sono. Confesso che mi sarebbe piaciuto partecipare, ma come ogni anno non mi sono organizzata in tempo.. quindi non mi resta che seguire tutti questi 'disturbatori' della città!

Si parte dal Parco della Montagnola dove vengono registrate le squadre e consegnate le magliette (meritevole quella di quest'anno) in attesta della corsa alla Lista delle 14.30. Inutile dire che non è gioco per pigri e persone tristi, qua si respira un'aria piena di allegria. L'euforia del gioco è il vero motore di questa giornata!


A questo punto vi chiederete: 'Semplice dai.. cosa vuoi che siano questi 50 obiettivi?' Ve ne trascrivo un paio.

1.) Alle ore 16.00 non un minuto prima, non un minuto dopo, presentatevi in Piazza Minghetti, sotto la statua, e seguite attentamente le istruzioni che vi verranno date. 2) Quanto è capiente la vostra bocca? Quante unità dello stesso oggetto riuscite a tenere al suo interno? Cercate di non strozzarvi... 3) In Vino Veritas, in scarpe Adidas, in doccia Badedas e... ananas. Stupiteci 4) In memoria del grande Bud Spencer inscenate una rissa in un bar con almeno tre sconosciuti.





 

Ho girato per la città cercando qua e là di capire cosa stessero facendo i team partecipanti, ho ascoltato alcuni negozianti irritati e divertiti dalla corsa di questi pazzi armati di macchina fotografica e biciclette, e mi sono divertita, molto! :-) Se volete divertirvi anche voi non potete perdervi l'appuntamento della prossima maratona a Rimini e non solo! Puoi consultare il tour di DISTURBO qui, oppure contattare i ragazzi per proporre DISTURBO proprio nella tua città! 

 

 

GUARDA LA GALLERY DELLA MARATONA QUI E SEGUI I RACCONTI DI ASSAI ANCHE SU FACEBOOK E INSTAGRAM  ;-)



Cosa posso leggere ancora su Bologna?
Questo per esempio 




//


Assai Magazine racconta e mette in contatto!
Se sei un artigiano, un imprenditore, un curatore, un inventore, un sognatore, e ti piace l’idea di raccontarti in modo non convenzionale e far parte delle storie e ld il circuito di #assai

scrivici!

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 


Informazioni aggiuntive

  • tipo_assai: images/2015/altro/arteok.png